L’età acerba

Vivere la contemporaneità significa per ciascuna persona fare esperienza delle dimensioni che da sempre appartengono alle vicende umane ma anche di dinamiche particolari e uniche che scaturiscono in ogni epoca storica. Quest’ultime sono le sfide affascinanti e al contempo inquietanti, se non talvolta drammatiche, che l’esistenza consegna ad ogni uomo e donna del suo tempo. Se crescere è un imperativo a cui non è possibile sottrarsi, crescere integrati e appassionati con quanto il proprio contesto spazio temporale racconta è ben altra cosa. Essere bambini, giovani, adulti oggi a contatto con le sfide della salvaguardia del pianeta e la sconfitta della povertà di alcune zone del mondo, gli interrogativi della bioetica e gli obiettivi della scienza, l’universo globale e digitale  intrecciato alle opportunità infinite dei new media, la fragilità dell’istituzione familiare e l’incertezza a cui sottoposti i legami, l’etica mancata della finanza e la precarietà del lavoro e molto altro ancora, è una condizione originale che richiede di maturare competenze specifiche per viaggiare sui binari odierni. L’Associazione Matura tra i suoi principali obiettivi formativi si prefigge di organizzare progetti, percorsi ed eventi per ogni età che sappiano creare delle relazioni tra la competenze umane delle persone con le facoltà e conoscenze specifiche richieste ad ogni generazione. Partendo dalla convinzione che non esista “un’età acerba” per definizione come si vorrebbe invece pensando all’infanzia e all’adolescenza, con i suoi progetti l’associazione Matura promuove un’idea di formazione capace di accompagnare la persona a diventare consapevole delle sue zone più verdi (aspre) per aiutarla a progredire, ovvero a maturare a partire dalle proprie capacità che già possiede e dalle caratteristiche del vivere quotidiano.