Dicono di noi

[testimonial company=”Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura” author=”Cardinale Gianfranco Ravasi”]

Concludiamo con un salto impressionante di tempi e di generi, segnalando un inatteso testo di catechesi collegato proprio a quel “VII Incontro delle Famiglie” da cui siamo partiti. È Filmfamily, che raccoglie una sequenza di dieci pellicole ove la famiglia occhieggia in tutta la sua gloria, nella tenerezza, nella normalità, ma anche nelle sue debolezze, fatiche e sofferenze. Si va dalla Nostra vita di Daniele Lucchetti al delicato Io sono con te di Guido Chiesa, dallo straordinario Ragazzo con la bicicletta dei fratelli Dardenne alle quattro stagioni della vita affrescate da Mike Leigh in Another Year, fino al “femminista-femminile” We want sex di Nigel Cole e così via, tutti secondo un originalissimo schema di analisi. Sta di fatto, comunque, che non esagerava Montaigne quando, nei suoi Essais, affermava che «governare una famiglia è poco meno difficile che governare un regno».

estratto da un articolo del card. Gianfranco Ravasi – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/Pc2Mz (inserto culturale del quotidiano di domenica 28 maggio 2012)

Le schede di FilmFamily sono state curate dall’équipe di Cinema in prospettiva.

Per richiedere il volume Filmfamily, ACEC (Associazione Cattolica Esercenti Cinema),
pagg. 212, s.i.p., www.family2012.com  scrivere ad acec@acec.it

[/testimonial]

[testimonial company=”docente all’Università Cattolica Milano e autore di ‘Introduzione alla metodologia del cineforum’ volume 1 e volume 2 Edizioni Effatà” author=”Prof. Alberto Bourlot”]
La proposta di Cinema in prospettiva è un contributo importante per tutti quelli che vogliono provare ad “usare” i film. Non soltanto come mezzo di intrattenimento, ma anche e soprattutto per quella che è la loro vera natura: esperienze emozionanti attraverso cui esploriamo noi stessi e impariamo a conoscere il mondo. Uno strumento di educazione dunque, nel senso vero del termine. Uno strumento a cui è necessario avvicinarsi con passione e competenza. Come quelle di questi amici che del cinema fanno anche un servizio: per le sale, per i circoli, per le comunità, per tutti quelli che non si stancano di riflettere e di farlo insieme.
[/testimonial]

[testimonial company=”Vice-presidente Cineforum Cif Padova” author=”Carla Giaretta”]Da qualche anno conosco Arianna Prevedello, giovane donna, brillante, appassionata della vita e del suo lavoro. L’ho potuta apprezzare quale acuta ed accorta animatrice di pellicole cinematografiche dai più svariati generi, con spiegazioni sempre esaurienti sia sulle tecniche di regia, sia nel commentare le diverse situazioni (sempre non facili!) che quel particolare momento di film voleva esprimere. Il tutto è condito da un’innata facilità alla relazione che la rende simpatica a prima vista.
[/testimonial]

[testimonial company=” assistente Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Padova” author=”don Federico Fortin”]
Persone con la passione e la competenza di fare del cinema una prospettiva dell’anima!
[/testimonial]

[testimonial company=”parroco di Sant’Agostino di Albignasego (Padova)” author=”don Silvano Berto”]
Il cinema è la realtà da un’altra prospettiva. Noi cristiani viviamo di prospettive “altre” e non possiamo stancarci di cercarle. Non ho dubbi che in questo Arianna, Patrizia e Mauro saranno buoni compagni di viaggio.
[/testimonial]

[testimonial company=”segretario generale ACEC (Associazione Cattolica Esercenti Cinema)” author=”Francesco Giraldo”]
Cinema in prospettiva” è una iniziativa importante per chi intende il cinema non solo come svago, ma come strumento di conoscenza della realtà e come investigazione su se stessi. Il cinema ha segnato l’immaginario contemporaneo e, dovendosi ora confrontarsi anche con i new media, è diventato urgente intraprendere percorsi formativi con e attraverso i film. Questi amici si sono formati all’interno delle “sale della comunità” e il loro lavoro ritornerà utile alle sale stesse in primo luogo nella creazione di percorsi formativi e in prospettiva nel valorizzare le sale della comunità come luoghi di cultura e di approfondimento della fede.
[/testimonial]

[testimonial company=”responsabile sdc Aurora di Campodarsego – Diocesi di Padova” author=”Emilio Zampieri”]
Ho ricevuto la bella notizia di un tuo/vostro nuovo impegno per la promozione e l’aiuto alle sale della comunità. Si dice spesso: i laici devono riappropriarsi del loro ruolo nella chiesa e nella comunità! E’ oggi il momento, siete voi le persone! Conosco bene la vostra passione e l’energia che mettete nelle proposte, ma oltre alla serietà professionale la cosa che più mi prende è il sorriso e la serenità con cui passate i messaggi. Un sorriso che permette al cuore di aprirsi, di accogliere con la massima fiducia le interpretazioni, le critiche ed i messaggi. Forza, perciò, e in bocca al lupo… c’è bisogno di laici che parlino ai laici. Con stima.
[/testimonial]

[testimonial company=”direttore sito e rivista SdC” author=”Don Gianluca Bernardini”]
Apprendo con gioia l’iniziativa degli amici di “Cinema in Prospettiva” per il lavoro che si apprestano a fare attraverso e con la settima arte. Quando essa è usata non solo come pretesto ma vero e proprio testo da analizzare e approfondire, non può che giovare alla riflessione di credenti  e non, per aprirla ad inediti orizzonti di fede. La nuova evangelizzazione chiama in campo sinergie e prospettive capaci di lavorare dentro il contesto contemporaneo. Il cinema abita e restituisce la realtà che viviamo. Il vangelo chiede di incarnarsi dentro questo mondo. Ben venga allora un lavoro sempre più a servizio delle nostre comunità cristiane per ridirsi ancora testimoni credibili nell’oggi abitato da Dio e dagli uomini.
[/testimonial]

[testimonial company=” Delegazione diocesana ACEC Padova  e sdc Marconi di Piove di Sacco” author=”Elena Sorgato”]
Cinema in prospettiva è guardare attraverso un binocolo: si punta all’obiettivo, lo si mette a fuoco da vicino, vi si scoprono sfaccettature e angoli nascosti. Parole, suggestioni, rilanci: ogni scritto non solo porta al ragionamento e propone una riflessione, ma aiuta a rivivere la visione del film. La prospettiva è pastorale, educativa, carica di sensibilità…viene aggiunto valore all’intento del regista.
[/testimonial]

[testimonial company=”Rettore Seminario Maggiore Diocesi di Padova” author=”Prof. Giampaolo Dianin”]
Grazie a Mauro, Patrizia e Arianna che mi hanno fatto scoprire un cinema capace di farmi entrare nel mistero della vita e di scandagliare con la naturalezza del racconto e delle immagini tanti vissuti umani che il cinema rappresenta con inquietante realismo. Grazie perché ho scoperto un’arte che aiuta a unificare la mente e il cuore, le passioni e i ragionamenti e soprattutto per avermi dato l’opportunità di stupirmi riconoscendo in tutto questo un insaziabile anelito spirituale che il cinema, a volte inconsapevolmente, testimonia nelle storie più diverse e consegna a coloro che sono in ricerca. Auguro che la strada intrapresa possa diventare uno dei tanti pozzi,di evangelica memoria, dove la gente trova ristoro ed è aiutata a ricomporre i fili di un’esistenza a volte confusa e, magari, incontra le domande più profonde della vita e si lascia inquietare da esse.
[/testimonial]

[testimonial company=”parroco S. Maria Assunta Campodarsego” author=”Don Leopoldo Voltan”]
La prospettiva. Quando è stata scoperta, secoli fa, in un’altra arte scenica come la pittura,  ha illuminato le cose donandole nuovo senso e profondità. Non ho dubbi che in ogni tempo ci sia necessità di prospettiva, di vedere meglio quello che ci sfugge, di cogliere la profondità dei messaggi. Sono certo che la vostra accurata competenza e gentilezza è in grado di prenderci per mano e di dare prospettiva alle nostre visioni e di accedere all’intelligenza dell’immagine. Lampada del corpo sono gli occhi dice il Vangelo, beati coloro a cui vengono aperti gli occhi ed ottengono la vista, un più ed oltre di sguardo.
[/testimonial]

[testimonial company=” docente, critico cinematografico, membro giuria David di Donatello, animatore cineforum” author=”Claudio Villa”]
“Cinema in prospettiva”. Una felice intuizione che intercetta il bisogno di tante persone di capire meglio il proprio vissuto attraverso il cinema e la fiction. Un film configura un mondo possibile, parallelo e ricco di indicazioni per la vita concreta. Quale lettura adottare: semiotica, pragmatica, narratologica,    psicologica? Forse la prospettiva giusta è quella educativa e  pastorale…Un punto di vista nuovo, che aiuti a orientarsi nel complesso mondo quotidiano. Il  filo di …Arianna, per ritrovare se stessi nel mare aperto della vita.
[/testimonial]

[testimonial company=”parroco di Cristo Re Padova – Sdc Cinema REX” author=”don Franco Rimano”]
Conosco coloro che iniziano questo progetto “Cinema in prospettiva” e con Arianna e Patrizia ho lavorato a lungo. Credo che nel loro lavoro possano esprimere quella competenza che dà qualità ad una proposta educativa sia per la progettualità espressa nelle iniziative svolte sia per il desiderio di far crescere veramente coloro a cui è rivolto l’intervento educativo. La passione non manca per rendere ogni progetto pieno di creatività e adatto alle persone che hanno davanti. Buon lavoro e buona avventura.
[/testimonial]

[testimonial company=”MontagnanaFilmforum – Delegazione ACEC Padova – Delegato Circoli Ancci” author=”Sante Pirondini”]
I dieci anni della nostra attività coincidono anche con dieci anni di conoscenza reciproca, lavoro fatto assieme, condivisione di progetti, esperienze, incontri. Con questo progetto siete riusciti a dare forma a quanto fatto in maniera informale in questi anni, creare un punto di riferimento non solo cinematografico ma anche di approfondimento e soprattutto di relazioni umane e di amicizia profonda: sono dieci anni di ricordi che ora chiameremo CINEMA IN PROSPETTIVA, e sinceramente è una bella PROSPETTIVA.
[/testimonial]

[testimonial company=”responsabile programmazione SdC Giardino San Giorgio delle Pertiche” author=”Silvia Zilla”]
Gli amici di Cinema in prospettiva sono una fonte inesauribile di idee brillanti, educative. Se si ha la fortuna d’essere toccati da questo vento brioso ne rimani affascinato e ti chiedi come sia possibile che persone contengano dentro tanta energia, voglia di mettersi in gioco ed effervescenza e ne rimani contagiato.
[/testimonial]

[testimonial company=”responsabile SdC Cinema Mignon di Cerea (Verona)” author=”Gilberto Maggiolo”]
Credo che questa proposta capiti a fagiolo quando più si sente la voglia di accumunarci nei programmi e nelle scelte come un vero network. Ho sperimentato già da due o tre anni l’aiuto di Arianna per proporre film a tema, specialmente di tipo religioso e debbo dire che l’effetto e’ stato meraviglioso, non tanto per l’emotività prodotta, ma per l’impatto sulle persone intervenute, specialmente su quelle che non frequentano il tempio. La frase che mi sento di pronunciare e’ questa: ringraziamo la provvidenza che ci manda al momento giusto le persone giuste con un progetto giusto.[/testimonial]

[testimonial company=”assistente unitario Azione Cattolica Diocesi di Padova” author=”don Enrico Piccolo”]
Varcare la soglia di un cinema è sempre stato un piccolo problema per me: sono fatto maluccio… Ma quando si incontrano persone competenti, appassionate, soprattutto amiche, che ti prendono per mano, comunicandoti quella passione, tutto diventa più facile! E così sono entrato in punta di piedi in un mondo ricchissimo, dal linguaggio formidabile. Pellicole molto belle di cui far tesoro. Soprattutto amiche molto care, da tenere a cuore.
[/testimonial]

[testimonial company=”ex direttore Settimana rivista di attualità pastorale edizione Dehoniane” author=”padre Mauro Pizzighini”]
Idea originale e creativa quella degli autori di queste “fantasie editoriali“….Ci si immerge in un mondo fantastico per entrare sempre di più nella realtà, come se il legame invisibile tra questi due mondi permettesse di vivere dentro la situazione concreta, non permettendo alla quotidianità di “uccidere” quell’arte e quella libertà che si nasconde nel profondo del cuore di ogni donna e uomo del nostro tempo.
[/testimonial]

[testimonial company=” comunità pastorale Beato Luigi Monti Bovisio Masciago (Milano)” author=”don Emilio Beretta”]
Amicizie comuni, cortese disponibilità e simpatia e immediata consonanza non epidermica ma sulle tensioni ideali di  fondo hanno favorito il contatto tra l’esperienza nascente di “cinema in prospettiva” e la progettazione di manifestazioni presso la nostra pure ancor giovane sala della comunità parrocchiale. Ho apprezzato particolarmente la competenza professionale, l’apertura al dialogo e al confronto nella ricerca di modalità espressive che possano favorire anche a distanza la trasmissione di informazioni, intuizioni e di un bagaglio formativo prezioso che ancora credo debba trovare ospitalità più prestigiosa nel calendario e nelle attenzioni delle nostre comunità cristiane. I primi riscontri raccolti sono stati lusinghieri e incoraggianti. L’auspicio condiviso credo sia quello di mettere in rete sempre più questo genere di risorse. La nostra esperienza mostra che in questo le distanze chilometriche sono superabili facilmente. Ci piace pensare che la tecnologia dei nuovi strumenti di comunicazione e la comune passione possono strumenti fecondi per costruire una Chiesa sempre più “in rete”.
[/testimonial]

[testimonial company=” direttore Centro Padovano della Comunicazione Sociale” author=”Don Gabriele Pedrina”]
Se i film son fatti per essere guardati in compagnia, anche la loro rielaborazione in percorsi formativi fiorisce in tutta la sua ricchezza nel lavoro di equipe. La conoscenza del cinema e la sensibilità del credente di Arianna, Mauro e Patrizia hanno trovato in questa semplice intuizione una modalità di lavoro i cui frutti ci hanno già regalato grandi emozioni.
[/testimonial]

[testimonial company=” Ex Presidente Azione Cattolica Diocesi Padova” author=”Chiara Benciolini”]

Mi piace andare al cinema anche se ci vado poco, però non sono affatto esperta: finisco sempre per vedere film che mi fanno divertire o mi emozionano. Grazie a questi amici ho provato uno sguardo nuovo sui film: la possibilità di imparare, crescere, pensare divertendomi ed emozionandomi. Due esperienze che mi hanno segnato: il film in situazione educativa e il film in occasioni formative in AC. Dopo un pomeriggio tra educatori a vedere spezzoni per ragazzi ho provato a scuola ad utilizzare così un film ed è stato un pozzo senza fondo! Quante cose comprese senza tanti discorsi, quanti riferimenti anche mesi dopo! L’esperienza dei laboratori di laicità è sempre grande per la gente che muovono, per i temi che scuotono, per i pensieri che provocano. Bello davvero andare al cinema, insieme!
[/testimonial]