DICIOTTANNI – Il mondo ai miei piedi di Elisabetta Rocchetti

08.07.2011

 in poltrona >> Mauro Curiotto 

Assenza di ideali, voragini spirituali interiori, mancanza di valori, incapacità di affetto e di creare relazioni personali stabili: come colmare tutto questo? Transitando da una letto ad un altro, da un rapporto occasionale all’atro. Tutto ciò può giustificare una vita senza obiettivi e motivazioni? Solo con il ritorno alla semplicità ed al quotidiano ci sarà il vero riscatto sociale e di vita. Poco credibili le interpretazioni e sottovalutando intensità dei temi, l’opera non coinvolge lo spettatore risultando nell’insieme troppo didascalica. Senza dubbio un’opera prima fin troppo acerba e per questo… trascurabile.



Vale il biglietto: non pervenuto

Tags: