HANNA di Joe Wright

03.06.2011

In poltrona >> Mauro Curiotto

Capelli biondi mossi, fisico asciutto e statuario sembra una donna invece è una adolescente dolce ed impaurita che ti passa solo tenerezza. Ma bisogna starne alla larga perché dietro a quel timido volto si nasconde una macchina da guerra creata dalla “solita” CIA e mandata dal padre in missione. Una ragazza che non si è mai “nutrita” dell’amore di una famiglia, delle parole dolci di una mamma, dell’abbraccio di un padre e per questo “costruita” per distruggere ma dirà no e si rivolterà contro tutti e tutto per riprendersi gli anni che non ha potuto vivere! Un film duro ma valorizzato da una regia asciutta e da una C. Blanchett cattivissima!

Vale il biglietto: “Hanna: Ho appena perso il tuo cuore. Erik: Ho provato a prepararti. Hanna: Tu non mi aveva preparato per questo”. E la sequenza con il padre all’interno della casa dei fratelli Grimm

Tags: