L’apprezzamento di Ravasi per le schede filmiche del Family

10.06.2012

Concludiamo con un salto impressionante di tempi e di generi, segnalando un inatteso testo di catechesi collegato proprio a quel “VII Incontro delle Famiglie” da cui siamo partiti. È Filmfamily, che raccoglie una sequenza di dieci pellicole ove la famiglia occhieggia in tutta la sua gloria, nella tenerezza, nella normalità, ma anche nelle sue debolezze, fatiche e sofferenze. Si va dalla Nostra vita di Daniele Lucchetti al delicato Io sono con te di Guido Chiesa, dallo straordinario Ragazzo con la bicicletta dei fratelli Dardenne alle quattro stagioni della vita affrescate da Mike Leigh in Another Year, fino al “femminista-femminile” We want sex di Nigel Cole e così via, tutti secondo un originalissimo schema di analisi. Sta di fatto, comunque, che non esagerava Montaigne quando, nei suoi Essais, affermava che «governare una famiglia è poco meno difficile che governare un regno».

Paragrafo estratto da un articolo intitolato “Inquietudini domestiche” del card. Gianfranco Ravasi su Il Sole 24 Ore (leggi l’intero pezzo su http://24o.it/Pc2Mz ). L’articolo è uscito sull’inserto culturale domenicale del 28 maggio 2012)

Le schede di FilmFamily sono state curate dall’équipe di Cinema in prospettiva. Lo schema di cui parla il cardinale è la formula brevettata da Cinema in prospettiva che continua a soddisfare le esigenze di spettatori, appassionati e formatori.

Per richiedere il volume Filmfamily, ACEC (Associazione Cattolica Esercenti Cinema), pagg. 212, s.i.p., www.family2012.com  scrivere ad acec@acec.it

Tags: