Convergenza materna

27.05.2011

Ci sono le “cose” che si studiano e le “cose” che si sanno fare. Stranamente non sempre coincidono alla perfezione. L’arrivo di mia figlia Viola e con lei il cambio drammatico quanto benefico di tempi e spazi sociali e professionali, mi ha provocata a fare un bilancio delle mie competenze e abilità.

L’esito di questo calcolo più creativo che matematico è Viola del pensiero (VDP), una sorta di convergenza materna che riapre la mia vita. Un’agenzia di servizi originali che nasce dall’intreccio di passioni e relazioni di fiducia  maturate nell’amicizia e che sviluppa tre aree di pensiero e azione a me care: l’animazione culturale, la consulenza cinematografica e la media education.

Tags: